Vai menu di sezione

La Caminata

Il 5 aprile 1476 Lorenzo Valier, rettore della città di Belluno, che dal 1404 apparteneva ai territori della Repubblica Veneta, presentò al consiglio cittadino il modello per innalzare un nuovo palazzo per honor et amplitation de questa citade, sul lato occidentale dell'odierna piazza Duomo. L'edificio era il cuore delle istituzioni civili della città e sede deputata per le riunioni del Consiglio fino alla caduta della Serenissima nel 1797.

Intorno al 1489 il pittore Iacopo Parisati da Montagnana, ancora legato all'arte di Andrea Mantegna, affrescò nella sala del Consiglio - altrimenti nota come "Caminata", per la presenza di un camino - alcuni episodi di virtù di storia antica principalmente tratti dai racconti di Tito Livio, come il Combattimento degli Orazi e dei Curiazi, l'Ingresso trionfale di Orazio vincitore, l'Incontro di Orazio con la sorella e l'uccisione di questa, L'errore di Muzio Scevola, Muzio Scevola si brucia la mano. Una decorazione pressoché unica in Veneto, per tipologia dei soggetti, che implicitamente alludeva all'eredità romana nella quale Belluno sempre si riconobbe. Un altro ciclo di affreschi relativi ad episodi di storia romana (Tito Manlio Torquato giudica colpevole il figlio Silano, la Prova della vestale Tuccia e la Congiura di Catilina) adornava la sala dei notai e fu eseguito nel 1529 da Pomponio Amalteo. Prima della distruzione le opere furono riprodotte dall'incisore Melchiorre Toller e dal pittore Ippolito Caffi, rendendo così possibili il restauro e la ricomposizione dei frammenti conservati.

Il palazzo: l’ambiente è caratterizzato dal grande camino con putti reggenti lo stemma familiare, con l’aquila, che si intreccia con la Croce di Malta, titolo acquisito da Pietro Fulcis nel 1702. Mentre il camino dovrebbe spettare agli inizi del Settecento, il paracamino e la tela a soffitto sono verosimilmente di un altro momento assai più tardo, in un momento in cui le dimensioni della stanza vennero ridotte.

 

Immagini

Pagina pubblicata Martedì, 24 Gennaio 2017 - Ultima modifica: Mercoledì, 01 Febbraio 2017
torna all'inizio del contenuto