Vai menu di sezione

"Dolomiti: cuore di pietra del mondo" del fotografo Georg Tappeiner

Nell'ambito della rassegna "Oltre le Vette - metafore, uomini, luoghi della montagna", dal 6 ottobre al 12 novembre 2017

Dolomiti: cuore di pietra del mondo del fotografo Georg Tappeiner, realizzata in collaborazione con la Fondazione Dolomiti UNESCO, rappresenta una forte testimonianza della bellezza e dell’unicità delle Dolomiti.

La mostra, realizzata in collaborazione con la Fondazione Dolomiti UNESCO, rimarrà aperta fino a domenica 29 ottobre negli spazi dell'ex pub Carrera e rappresenta l’evento inaugurale della 21a edizione della rassegna Oltre le vette – Metafore, uomini e luoghi della montagna.

La grande capacità del fotografo si rivela già nell’immagine ufficiale della mostra, una magnifica ripresa aerea della Moiazza e della Civetta in un’alba invernale, con le creste delle montagne che disegnano un percorso sinuoso in cui l’osservatore riconoscerà, sorprendendosi, cime e pareti tante volte ammirate da prospettive più consuete.

Le oltre 40 fotografie, anche di grande formato, scattate dalla Hasseblad di Georg Tappeiner accoglieranno quindi il visitatore già nel chiostro di Palazzo Fulcis, per poi accompagnarlo nei locali che in futuro saranno destinati a caffetteria e ristorante del museo. Ne risulterà un vero viaggio tra immagini aeree dalla straordinaria definizione e riprese originali e inconsuete delle montagne che nel 2009 sono state dichiarate per la loro unicità patrimonio dell’umanità.

Tra pareti in penombra e nuvole veloci le fotografie di Tappeiner sprigionano letteralmente la forza arcaica di queste montagne, riuscendo anche a riprendere il fugace precipitare delle meteore che con il loro lampo di luce rischiarano queste cattedrali naturali.

Georg Tappeiner è nato a Merano nel 1964. Ha trascorso dieci anni a Londra lavorando come fotografo pubblicitario, stabilendosi successivamente a Milano. Dal 2005 esplora le Dolomiti per catturare la magia dello spettacolo naturale offerto da queste montagne. Le fotografie di Tappeiner sono state pubblicate su un gran numero di riviste e siti on line, tra cui l’edizione italiana di “Geo” e quella tedesca di “National Geographic”. Da diversi anni è sostenitore della Fondazione Dolomiti UNESCO. “Fotografare le Dolomiti” ha detto “è un vero e proprio viaggio nel tempo e nello spazio. La loro sublime bellezza regala sempre emozioni che valgono più di mille parole”.

Pagina pubblicata Mercoledì, 31 Gennaio 2018 - Ultima modifica: Lunedì, 19 Febbraio 2018
torna all'inizio del contenuto