Vai menu di sezione

Palazzo Fulcis

Tremila metri quadrati di spazio espositivo distribuito su cinque piani e articolato in 24 stanze; stucchi e affreschi settecenteschi recuperati; un allestimento rispettoso ed emozionante: Palazzo Fulcis è la nuova sede della collezione d'arte del Museo Civico.

Ph. Marco Zanta, Treviso

 

Il complesso monumentale di Palazzo Fulcis si articola su cinque livelli con una superficie espositiva di circa 3.000 mq, dopo il restauro conservativo iniziato nel 2012 e finanziato da Fondazione Cariverona (oltre 7 milioni di euro).

Il palazzo si sviluppa partendo dal piano terra, luogo degli ingressi principali da via Roma attraverso la biglietteria/bookshop, e dallo scalone storico che si prende dall’androne, al piano interrato e ai piani superiori (primo e secondo), dove sono allestite le aree tematiche, con un grande salone con ballatoio affrescato nel 1776 da Costantino Cedini, fino al piano terzo dedicato agli allestimenti temporanei, oltre che all’esposizione delle tele del Camerino d'Ercole di Sebastiano Ricci.

Così configurato, il Museo Civico di Belluno viene a presentarsi come un caso unico in Veneto: la collezione cittadina ospitata in uno dei più begli edifici urbani settecenteschi della Regione, dove la dimensione del Palazzo, già di per sé un grande elemento di attrazione, convive con quella del museo e delle raccolte storico-artistiche.

Bartolomeo Montagna, Domenico Tintoretto, Matteo Cesa, Andrea Brustolon, Marco e Sebastiano Ricci, Ippolito Caffi, ma anche le preziose collezioni di porcellane, i rari bronzetti e le placchette rinascimentali, la raccolta di disegni e le incisioni di altissimo pregio hanno ora una nuova casa.

Posizione GPS

Come arrivare

La storia di Palazzo Fulcis

  • Palazzo Fulcis De Bertoldi è il più importante edificio settecentesco di Belluno e, a seguito di un restauro iniziato nel 2012, è ora la nuova sede delle collezioni storico artistiche dei Musei Civici di Belluno.

Pagina pubblicata Venerdì, 20 Gennaio 2017 - Ultima modifica: Giovedì, 22 Febbraio 2018
torna all'inizio del contenuto